Scheda informativa generale

ELETTORI

Gli elettori saranno 144822, di cui 68663 maschi  e 76159 femmine.

I diciottenni che voteranno per la prima volta saranno in totale 1073 di cui 543 maschi e 530 femmine.

Per l’elezione del Senato della Repubblica, potranno esprimere il proprio voto solo gli elettori che abbiano compiuto 25 anni alla data del 4 marzo.

Voteranno, quindi, per l’elezione della sola Camera dei Deputati gli elettori che abbiano compiuto 18 anni ma che non ne abbiano ancora 25 alla data del voto: in totale saranno 9827.     

 

CAMBI DI ABITAZIONE E CAMBI DI RESIDENZA

I residenti che hanno cambiato indirizzo all’interno del Comune dopo il 18 gennaio dovranno votare nella sezione elettorale in cui erano già iscritti, mentre i cittadini che hanno registrato in Anagrafe la variazione prima di quella data, se comporta un cambio di sezione, riceveranno in questi giorni una etichetta da applicare alla tessera elettorale con l’ubicazione del seggio presso cui dovranno votare.

Per quanto concerne i nuovi elettori, la revisione dinamica straordinaria ha preso in considerazione i cambi di residenza perfezionati sempre entro il giorno 18 gennaio.

 

ITALIANI ALL’ESTERO

Gli elettori, cittadini italiani residenti all’estero iscritti all’A.I.R.E., Anagrafe Italiani Residenti all’Estero, sono 5808 di cui 3015 maschi e 2793 femmine.

Per le elezioni politiche, questi elettori possono esercitare il proprio diritto di voto o all’estero presso la circoscrizione consolare di residenza, oppure nel Comune di iscrizione AIRE in Italia.

In quest’ultimo caso, era necessario presentare entro il giorno 8 gennaio la richiesta all’Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza, per posta o mediante consegna a mano.

In assenza di comunicazioni in merito all’opzione, l’elettore può esercitare il proprio diritto di voto esclusivamente nel territorio di residenza all’estero.

Al Comune di Parma sono pervenute n. 2 comunicazioni relative a elettori che hanno optato per l’esercizio del diritto di voto in Italia.

22 sono gli elettori AIRE che, risiedendo in Paesi esteri senza intese con il Ministero degli Affari Esteri italiano, possono esercitare il diritto di voto esclusivamente in Italia nel Comune di iscrizione AIRE.  

 

ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle elezioni per il rinnovo del Parlamento, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.

Per partecipare al voto all’estero, tali elettori dovevano – entro il 31 gennaio 2018 - far pervenire AL COMUNE d’iscrizione nelle liste elettorali un’apposita opzione.

Possono votare per corrispondenza, previa apposita dichiarazione, anche le seguenti tipologie di elettori temporaneamente all’estero per motivi di servizio o missioni internazionali:

  • appartenenti  alle  Forze  armate  e  alle  Forze  di   polizia temporaneamente all'estero in quanto impegnati nello  svolgimento  di missioni internazionali;
  • dipendenti di amministrazioni  dello  Stato,  di  regioni  o  di province autonome, temporaneamente all'estero per motivi di servizio, qualora la durata prevista della loro permanenza all'estero,  secondo quanto attestato  dall'Amministrazione di appartenenza, sia  superiore a tre mesi e inferiore a  dodici  mesi,  ovvero  non  siano  comunque tenuti ad iscriversi all'AIRE ai sensi della legge 27  ottobre  1988, n. 470, nonché, qualora non iscritti  alle  anagrafi  dei  cittadini italiani residenti all'estero, i loro familiari conviventi;
  • professori e ricercatori universitari  di  cui  al  decreto  del Presidente della Repubblica 11  luglio  1980,  n.  382,  titolari  di incarichi e contratti ai sensi dell'articolo 1, comma 12, della legge 4 novembre 2005, n. 230, e di cui alla legge  30  dicembre  2010,  n. 240, che si trovano in servizio presso  istituti  universitari  e  di ricerca all'estero per una durata complessiva di almeno  sei  mesi  e non più di dodici mesi che, alla data  del  decreto  del  Presidente della Repubblica di convocazione dei comizi, si trovano all'estero da almeno tre mesi, nonché, qualora non  iscritti  nelle  anagrafi  dei cittadini italiani all'estero, i loro familiari conviventi.

Sono 109 gli elettori di Parma che entro il 31 gennaio hanno fatto apposita domanda al Sindaco e quindi sono stati autorizzati ad esprimere il proprio voto all’estero.

 

COSA OCCORRE PER VOTARE:

Per poter esprimere il proprio voto occorre presentarsi presso la sezione elettorale di iscrizione muniti di tessera elettorale personale e di carta d’identità o altro documento di riconoscimento rilasciato dalla Pubblica Amministrazione munito di fotografia e timbro a secco, ad esempio:

  • patente;
  • passaporto;
  • libretto di pensione;
  • tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale
  • tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale Ufficiali in congedo d’Italia, purché convalidata da un comando militare.

I documenti elencati sono considerati validi per accedere al voto anche se scaduti, purché risultino sotto ogni altro aspetto regolari e possano garantire una sicura identificazione dell’elettore.

Il Ministero dell’Interno, con circolare n. 2 del 14 febbraio, ha chiarito che al fine di favorire il più possibile l'esercizio del diritto di voto da parte di coloro che, nei giorni antecedenti le consultazioni elettorali, avranno presentato richiesta di CIE, è da ritenere che la ricevuta della CIE, in quanto munita della fotografia del titolare, dei relativi dati anagrafici e del numero della CIE cui si riferisce, risponda ai requisiti del documento di riconoscimento di cui all'art. 1, comma 1, lett. c) D.P.R. n. 445/2000. Pertanto, l’identificazione al seggio sarà possibile anche con tale sola ricevuta.

 

SEZIONI:

Le sezioni sono 207, più 9 sezioni speciali.

Tutti i seggi sono ubicati nella sede indicata sulla tessera elettorale.

 

SEZIONI SPECIALI

Per i ricoverati in strutture ospedaliere o luoghi di cura è possibile esprimere il proprio voto in sezioni speciali allestite all’interno del luogo di degenza, in seguito ad apposita richiesta scritta presso la Direzione Sanitaria.

Le sezioni speciali nel Comune di Parma sono:

 

23     “Villa Parma” piazzale Fiume, 5

37     Ospedale Maggiore, Torre delle Medicine, primo piano, via Gramsci, 14

39     Casa di Riposo I.r.a.i.a. via Gulli, 24

58     Ospedale Maggiore Padiglione Ala Sud – presso Day Hospital Nefrologia

59     Ospedale Maggiore, Padiglione Barbieri,  piano rialzato, via Gramsci, 14

60     Ospedale Maggiore, Padiglione Ortopedie, piano terra, via Gramsci, 14

61     Ospedale Maggiore, Padiglione Ala Est, sesto piano, via Gramsci, 14

105    Casa Circondariale (Carcere)

163   Casa di Cura “Città di Parma” piazzale Maestri, 5

 

SERVIZI DI TRASPORTO SPECIALI

Il Comune di Parma, ai sensi dell'articolo 29 della Legge 104 del 5 febbraio 1992, organizza, in collaborazione con l’Assistenza Pubblica di Parma, un servizio di trasporto gratuito per persone con problemi di deambulazione che non sono in grado di raggiungere autonomamente il seggio elettorale.

 

Procedura per usufruire del servizio:

Le persone interessate devono prenotare il servizio telefonando al numero 0521-224983

 

La prenotazione deve essere effettuata con anticipo al fine di consentire  l’organizzazione ottimale del servizio stesso.

 

Barriere architettoniche

Si ricorda inoltre che tutti le sedi di seggio sono prive di barriere architettoniche e quindi accessibili anche agli elettori con disabilità.

 

VOTO ASSISTITO

I ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità esercitano il diritto di voto con l’aiuto di un elettore della propria famiglia o, in mancanza, di un altro elettore, volontariamente scelto.

Qualora, a differenza dei casi sopra richiamati, non risulti evidente l’impedimento al voto, esso potrà essere dimostrato mediante certificato medico che attesti che l’infermità fisica non consente all’elettore di esprimere il voto senza l’aiuto di un accompagnatore. Tale certificazione potrà essere rilasciata esclusivamente dai funzionari medici designati dai competenti organi dell’Azienda Unità sanitaria locale, con sede presso il Servizio di Igiene Pubblica in via Vasari 13/A, raggiungibile al numero telefonico 0521-396411

Dall’anno 2003 è possibile presentare la documentazione medica all’Ufficio elettorale del Comune in cui si vota al fine di annotare direttamente sulla tessera elettorale il diritto al voto assistito; in questo caso, la documentazione sarà trattenuta dall’Ufficio elettorale e all’elettore sarà sufficiente presentare al seggio la propria tessera così aggiornata per esercitare il proprio diritto di voto.

 

VOTO A DOMICILIO

In occasione della elezioni politiche di domenica 4 marzo, le persone che per gravi malattie dipendono da apparecchi elettromedicali o con infermità tali da rendere impossibile l'allontanamento dalla propria abitazione, anche con l’ausilio dei servizi di trasporto messi a disposizione dal Comune, (cioè siano “intrasportabili”), possono presentare richiesta per effettuare il voto a domicilio. La richiesta va presentata in carta libera, al Sindaco del Comune di residenza, con una copia della tessera elettorale e un certificato gratuito rilasciato dai Servizi Igiene Pubblica dell'Azienda USL da cui risulti l'infermità fisica (con prognosi di almeno 60 giorni dalla data di rilascio del certificato). Nella richiesta devono essere indicati: nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo completo dell'abitazione e numero di telefono dell'elettore.

Per ottenere il certificato, chiamare i Servizi di Igiene Pubblica dell’AUSL del proprio distretto di appartenenza, per fissare l’appuntamento della visita a domicilio da parte del medico. Servizio Igiene Pubblica Distretto di Parma: tel. 0521.396462-411.

 

VOTO RICOVERATI

Gli elettori che sono ricoverati in Ospedali, case di cura o case di riposo, possono richiedere di votare nella struttura che li ospita compilando l’apposita richiesta, richiedendo il modulo al personale incaricato o scaricandolo dal sito Internet www.elezioni.comune.parma.it

La richiesta dovrà pervenire entro giovedì 1 marzo all’Ufficio elettorale che rilascerà apposito attestato da consegnare al Presidente di seggio unitamente alla propria tessera elettorale e a un documento di riconoscimento.

Numero Verde 800 977917
Tessera elettorale

Tessera elettorale 2 Servizio on line per la richiesta del duplicato della tessera elettorale

I servizi online del Comune

Logoonline Accedi a tutti i servizi online del Comune